ANDREA GALLO ROSSO / MARCO D'AGOSTIN

OCCHI / EVERYTHING IS OK

Serata con doppio spettacolo in collaborazione con TTB Teatro Tascabile di Bergamo

 

15 giugno 2017, ore 21:30
Chiostro del Carmine - Bergamo

In collaborazione con TTB - TEATRO TASCABILE di Bergamo

 

BIGLIETTI (Serata intera I meet you… if you want + Everything is ok): € 15 intero, € 10 ridotto (+ diritti prevendita)
Acquisto presso CSC Anymore, Via Don Luigi Palazzolo 23/c, Bergamo

oppure CLICCA QUI per acquisto on line

 

OCCHI
di Andrea Gallo Rosso

 

di e con Andrea Gallo Rosso
sound design Federico Dal Pozzo
foto Angelo Bellotti
produzione MORSE
con il sostegno di Mosaico Danza
ospitata in residenza da Chorodanza, mcf belfioredanza, Opificiodellarte
si ringrazia Piemonte dal Vivo

Chiudendo gli Occhi si apre un mondo di differenti sensazioni: tempo e suoni cambiano, il contatto con gli altri è sospeso. Arrivano emozioni, ricordi, paure..
La ricerca sul movimento di OCCHI parte dal privarsi della vista ricostruendo un equilibrio fisico ed emotivo, cercando nuovi canali comunicativi.
Focalizzandosi sul “dentro” si riscoprono memorie lontane, arrivano poco a poco come l'alfabeto morse che ripete: “e d'improvviso il filo si spezza e ti ritrovi a galleggiare”.
L'assolo è riempito del vissuto personale di Andrea: un incidente. Il corpo nello spazio disegna 3 scene: un “prima” con la sua normale routine; un evento “improvviso” distruttivo e rigenerante; un “dopo” con il suo potenziale carico di cambiamento. In OCCHI si sottolinea che in ogni istante si può cambiare.

L'assolo, sia urbano che teatrale, nell'attuale versione ha debuttato a LES REPERAGES 2013 al CDC / Le Gymnase di Roubaix come azione alla mobilità di MosaicoDanza, dopo la presentazione dello studio durante INTERPLAY12. E' stato selezionato e presentato nell'ambito della White Night di Skopje, tra le attività implementate nel quadro dell'accordo di collaborazione tra la Città di Torino e la Città di Skopje. Arriva in Olanda al Punch! Festival nel 2013 e più volte in Belgio e Germania per Danse en Ville Festival (13-15-16).
Il lavoro prevede una parte laboratoriale rivolta a non professionisti, quando possibile e in accordo con l'organizzazione. Il LAB vuole dare uno strumento per facilitare la comprensione dei contenuti di Occhi, inoltre diventa un mezzo di avvicinamento alla danza per un nuovo pubblico.

Andrea Gallo Rosso vince il bando Residenze Coreografiche Lavanderia a Vapore 3.0 di Piemonte dal Vivo nel 2015 per sviluppare il progetto PostProduzione. Ne nasce un DUO femminile che è la seconda parte del TRIO maschile coprodotto dal festival Oriente Occidente di Rovereto 2015 dove ha debuttato. Viene sostenuto da Mosaico Danza di Torino, grazie al quale nel biennio 2012-2014 partecipa al progetto internazionale DROP / Dance Roads Open Project, realizzato con il sostegno dalla Comunità Europea, che gli da la possibilità di portare il proprio lavoro in Canada, Francia, Inghilterra e Olanda. In tale occasione viene creato “I meet you… if you want” che debutta nella sezione Made.it di Torinodanza festival in collaborazione con Interplay14, lavoro finalista al Premio Equilibrio Roma e a Les HiverOclites di Avignone. Nel 2013 è sostenuto dal bando ministeriale DEMO/MOVIN’UP I sess. 2013 a cura del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (Direzione Generale PaBAAC e Direzione Generale Spettacolo dal Vivo) e GAI (Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani) per la realizzazione di progetti all’estero. Nel 2012 il solo Occhi debutta à Les Reperages – rencontre internationales de la jeunes choreographie a Roubaix e viene selezionato e presentato nell’ambito della White Night 2012 di Skopje, tra le attività implementate nel quadro dell’accordo di collaborazione tra la Città di Torino e la Città di Skopje. Come autore viene selezionato per la Vetrina Italiana della Giovane Danza d’Autore® 2013 e 2014 organizzata da AnticorpiXL. Ad oggi i lavori di Andrea sono stati presentati in 8 diverse Regioni Italiane (Abruzzo, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Trentino Alto Adige, Sardegna e Veneto) e in 7 paesi esteri (Belgio, Brasile, Canada, Francia, Germania, Inghilterra, Macedonia, Olanda). Partecipa tra gli altri a MIRABILIA – International Circus & performing Art Festival 2015-14- 16 (Fossano, IT), Connexions Urbaines 2016 (Liege, B) INTERPLAY 12-13-14-15 (Torino, IT), Oriente Occidente 2015 (Rovereto, IT), Made.it/ Torinodanzafestival 2014 (Torino, IT), FIND – Festival Italiano Nuova Danza 2015 (Cagliari, IT), Caffeine 2015-14 (Lombardia), Tanzende Stadt/ Danse en Ville 2015-13 (Belgio), Damça em Transito 2014 (Rio de Janeiro, Br), Ballo Pubblico (Siena, IT), Ammutinamenti 2014-13 (Ravenna, IT), PUNCH! Festival 2013 (Amsterdam, NL), Les Repérages 2012 (Roubaix, F), Corpi Urbani / Urban Bodies 2012 (Genova, IT), Inside/Off 08/09 09/10 11/12 12/13 13/14 (Torino, IT), White Night / ???? ???? 2012 (Skopje, MK), La Piattaforma 2010-2011 (Torino, IT).

 

A seguire

EVERYTHING IS OK
di Marco D'Agostin

Un interessante test sulla resistenza dello sguardo: tra un danzatore instancabile e una tempesta di immagini

Durata 35 minuti
In scena MARCO D’AGOSTIN
Suono LSKA disegno
Luci Rocco Giansante
Movement coach Marta Ciappina
Consulenza drammaturgica Kristin De Groot
Direzione tecnica Paolo Tizianel
Foto e video Alice Brazzit
Coproduzione VAN / Garage Nardin (Bassano del Grappa) Operaestate Festival Veneto / Dansateliers (Rotterdam) / Kilowatt Festival (Sansepolcro) con il sostegno di inTeatro (Polverigi) / D.ID Dance Identity C.L.A.P.

Everything is ok si pone come un esperimento sulla stanchezza del guardare. Da una parte il performer, che incarna una catena ininterrotta di movimenti, depositando segni, posture e dinamiche che richiamano a sé il vasto territorio dell’intrattenimento, attraversato anarchicamente dalle sue origini ad oggi. È una danza che si vuole efficiente nella propria articolazione anatomica, ma che allo stesso tempo consegna un guardare fragile, un’umana presenza a muoverla. Dall’altra parte il pubblico, sottoposto a un bombardamento d’immagini che ne vuole testare il limite di sazietà, il personale ma inevitabile tracollo, il momento in cui si rende necessaria la resa, in cui lo sguardo, appunto, si stancherà di guardare. È su questo fragile terreno di abbandono che si innesta la possibilità di un’apertura del paesaggio, di una lenta espansione dello sguardo, pronto forse ad accogliere quello che finora è stato invisibile: le genti, gli animali, i pianeti, le storie; fossili millenari, restituiti nella loro immobilità, che lasciano in consegna un ultimo compito a questo gruppo di occhi: cosa ci resta da guardare, ora, tutti assieme?

Marco D'Agostin è un performer e coreografo attivo nei settori del teatro, della danza e del cinema. Dopo essersi formato alla danza tra gli altri con Yasmeen Godder, Emio Greco / Accademia mobile, Simona Bertozzi, Sharon Friedman, ha lavorato come interprete per Claudia Castellucci / Socìetas Raffaello Sanzio, Alessandro Sciarroni, Liz Santoro, Sharon Friedman, Giorgia Nardin. Dal 2010 Marco D’Agostin ha sviluppato il proprio lavoro coreografico, principalmente attraverso il coinvolgimento in progetti internazionali come Choreoroam Europa e Act Your Age. Viola ha ottenuto il Premio Gd’A Veneto nel 2010, ed è stato selezionato da Aerowaves nel 2011 e Anticorpi XL 2011, Spic & Span ha vinto la Segnalazione Speciale Premio Scenario 2011, e let sleeping dragons lie ha vinto il Premio Prospettiva Danza 2012. Last day of all e Last day of M. sono stati creati per Act Your Age nel 2013. Creata nel giugno 2015, Everything is ok è in tour in Italia e all’estero.

 

Andrea Gallo Rosso OCCHI
Marco D'Agostin EVERYTHING IS OK Ph Alice Brazzit