SOSTIENI IL FESTIVAL

COS’È IL 5×1000

Il cinque per mille indica una quota dell’imposta IRPEF, che lo Stato italiano ripartisce, per dare sostegno, tra enti che svolgono attività socialmente rilevanti (ad esempio non profit, ricerca scientifica). Il versamento è a discrezione del cittadino-contribuente, contestualmente alla dichiarazione dei redditi. Non costa nulla al contribuente. In ogni caso chiunque percepisca un reddito imponibile è tenuto a pagare l’Imposta sul Reddito allo Stato. Semplicemente, con questo meccanismo le finanze pubbliche “rinunciano” a una parte delle imposte per darle agli enti beneficiari.

Perché donare il tuo 5X1000 a Festival Danza Estate
Festival Danza Estate da più di trent’anni è uno degli appuntamenti principali dello spettacolo dal vivo e l’unica rassegna dedicata alla danza contemporanea nella città di Bergamo. Un palcoscenico diffuso per incontrare artisti di fama internazionale e talenti italiani. Un’occasione per vivere l’energia di una danza che invade città e provincia. La manifestazione, creata da C.S.C. Anymore nel 1989 e attualmente curata da 23/C Art, propone un ricco cartellone di spettacoli di compagnie di punta del panorama italiano e internazionale e di artisti emergenti, anche in prima nazionale o assoluta.Il tuo contributo ci aiuterà a sostenere lo spettacolo dal vivo e le occasioni di qualità per conoscere e fare esperienza della danza a tutti i livelli.

Come fare la donazione
Troverai nei modelli per la dichiarazione dei redditi CUD, 730 e UNICO uno spazio destinato al 5×1000. Firma nel riquadro dedicato al “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale [..]”e inserisci il codice fiscale di 23/C Art: 02887360168

ART BONUS: AGEVOLAZIONI FISCALI PER CHI FINANZIA LA CULTURA

Artbonus è un credito d’imposta pari al 65% dell’importo donato, come previsto introdotta dall’art.1 dal D.L.n. 83/2014, a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano.

Quali sono le erogazioni liberali che danno diritto al credito
Le erogazioni liberali effettuate in denaro che danno diritto al credito di imposta, devono riguardare gli anni di imposta a partire dal 2014 e devono essere riferiti ai seguenti interventi:

  • manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici;
  • sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica (es. musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, complessi monumentali, come definiti dall’articolo 101 del Codice dei beni culturali e del paesaggio di cui al Decreto Legislativo 22/01/2004 n. 42,) delle fondazioni lirico-sinfoniche, dei teatri di tradizione, delle istituzioni concertistico-orchestrali, dei teatri nazionali, dei teatri di rilevante interesse culturale, dei festival, delle imprese e dei centri di produzione teatrale e di danza, nonché dei circuiti di distribuzione;
  • realizzazione di nuove strutture, restauro e potenziamento di quelle esistenti, di enti o istituzioni pubbliche che, senza scopo di lucro, svolgono esclusivamente attività nello spettacolo.

Soggetti beneficiari
Il credito d’imposta è riconosciuto a tutti i soggetti che effettuano le erogazioni liberali a sostegno della cultura e dello spettacolo previste dalla norma in commento, indipendentemente dalla natura e dalla forma giuridica.

Modalità di effettuazione
Analogamente a quanto previsto per altre erogazioni liberali in denaro, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che anche le erogazioni liberali in esame devono essere effettuate avvalendosi esclusivamente di uno dei seguenti sistemi di pagamento:

  • tramite banca (es. bonifico);
  • oppure tramite ufficio postale (es. versamento su conto corrente intestato al beneficiario);
  • oppure mediante gli altri sistemi di pagamento previsti dall’art. 23 del DLgs. 241/97, cioè mediante carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari.
    Non possono beneficiare del credito d’imposta le erogazioni liberali effettuate in contanti, in quanto non offrono sufficienti garanzie di “tracciabilità”.

Per maggiori informazioni sulle procedure da seguire per effettuare le elargizioni, comparire nell’elenco pubblico dei mecenati ed ottenere il beneficio fiscale si invita a consultare:
– il portale www.artbonus.gov.it
– la circolare dell’Agenzia delle entrate n. 24 E del 31/07/2014 

RESTIAMO IN CONTATTO!

Ti sei iscritto con successo alla nostra mailing list.

Errore

*
Dichiaro di aver preso visione della Policy privacy e di accettarne temini e condizioni